Donne

Pubblicato il 06/02/2013
da Laura R.
Si celebra oggi, 6 febbraio, la Giornata Leggi tutto...
Pubblicato il 25/01/2013
da Laura R.

Il 22 gennaio, la Croazia ha firmato la Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza sulle donne e la violenza domestica portando così a 26 i paesi firmatari – Italia compresa - di questo importante strumento chevincola giuridicamente gli stati in materia di violenza sulle donne e violenza domestica.

 

Pubblicato il 28/11/2012
da Laura R.

Ieri, 26 novembre, uno dei comitati dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione contro le mutilazioni dei genitali femminili (Mgf). Per Amnesty International e per tutte le organizzazioni della società civile che lottano per porre fine a questa pratica si tratta di un segnale importante!

È infatti la prima volta che il III Comitato dell'Assemblea, che si occupa di tematiche sociali, umanitarie e relative ai diritti umani, adotta una risoluzione sulle Mgf: il taglio dei genitali di una ragazza, spesso senza anestesia, in condizioni che possono causare infezioni potenzialmente fatali.
Pubblicato il 13/11/2012
da Laura R.

Giovedì 15 novembre alle 18, presso la libreria Feltrinelli di Viale Libia a Roma, Ugo Gangheri presenta il suo nuovo cd dal titolo“L’ammore e l’arraggia”.

Con lui sul palco i Nomadìa, Antonio Principe de Carmine - chitarre, Enzo Sgambato - clarino, LunaRita Varra - basso e voce, Marilù Poledro - tamburi e voce, Jacopo Gangheri – voce. Si esibiranno durante la serata: Nicola Vicidomini, Rosalia Porcaro, Nino Buonocore, Edoardo de Angelis, Stefano Disegni, Giobbe Covatta.

Durante la presentazione sarà approfondito il tema della salute materna.

Pubblicato il 15/10/2012
da Laura R.

Il prossimo 17 novembre si terranno le elezioni presidenziali in Sierra Leone. Quello sarà un giorno importante per tutte le donne e i bambini che vivono in povertà nel paese perché il nuovo presidente eletto avrà un compito importante: assicurare che l’iniziativa “Cure mediche gratuite” prosegua e che sia ulteriormente rafforzata!

Anche grazie a un’intensa campagna condotta da Amnesty insieme alle associazioni locali, il 17 aprile 2010, il governo della Sierra Leone annunciò cure mediche gratuite per le donne incinte, le puerpere e i bambini al di sotto dei cinque anni.

Pubblicato il 13/04/2012
da Flavia C.

 Deep Sea è il nome di una comunità di persone che vivono negli slum di Nairobi, in Kenya, e che quotidianamente lottano per far valere i loro diritti e difendere la loro dignità, in una situazione di povertà e privazione estreme. 

Per raccontare la vita degli abitanti di Deep Sea e il modo in cui riescono, malgrado tutto, a percepirsi come una comunità unita, legata da vincoli di solidarietà e di collaborazione reciproca,  abbiamo realizzato un breve video.

Pubblicato il 06/02/2012
da Virginia

Ogni giorno, 8000 donne subiscono mutilazioni dei genitali femminili. Questo insieme di pratiche rituali tradizionali, connesse a riti d’iniziazione femminile e d’integrazione sociale, è particolarmente radicato; spesso le donne che le subiscono non sono in grado di opporvisi e anzi le appoggiano, per paura dello stigma sociale e dell'emarginazione che colpisce chi non vi si adegua.

Le mutilazioni dei genitali femminili rappresentano una grave violazione dei diritti umani delle donne e delle bambine. Violano il diritto all'integrità fisica e psicologica, al più alto standard di salute possibile, a essere libere da ogni forma di discriminazione - inclusa la violenza - e di trattamento crudele, disumano o degradante; violano i diritti dell'infanzia e, in casi estremi, il diritto alla vita. Inoltre le mutilazioni dei genitali femminili aumentano l’incidenza della mortalità materna.

Pubblicato il 12/01/2012
da Virginia

Il video che vi proponiamo in questo post è stato girato lo scorso anno ad Haiti , quando i nostri ricercatori visitarono il paese, un anno dopo il terremoto che provocò 230.000 morti e 300.000 feriti .

Da allora cosa è cambiato? E soprattutto a due anni esatti da quella tragedia, la vita degli haitiani è tornata alla normalità?

La risposta è no. Mezzo milione di persone vive ancora in condizioni indicibili nelle centinaia di tendopoli allestite nella capitale e nei suoi dintorni. Inoltre, rischiano di essere sgomberate con la forza , come è accaduto nella notte tra il 20 e il 21 dicembre, quando 79 famiglie - per un totale di 945 persone, tra cui donne incinte, anziani e 225 bambini – sono costrette con la violenza a lasciare il campo allestito in piazza Jéremie, a Port-au-Prince.

Pubblicato il 23/11/2011
da Virginia

Eccoli i  1400 rotoli che abbiamo consegnato questa mattina all'Ambasciata del Kenya a Roma.

Mille e quattrocento messaggi per chiedere al governo di questo paese di garantire un accesso sicuro ai servizi igienico-sanitari , di far in modo che nessuna donna debba più rischiare di essere violentata quando di notte percorre una strada al buio prima di arrivare in un bagno.

Pubblicato il 07/11/2011
da Samanta

La Shell ha finalmente ammesso le sue responsabilità nella devastazione del territorio del Delta del Niger , ma le operazioni di bonifica tardano a cominciare e rischiano addirittura di arenarsi.
La corporation imputa a una mancanza di sicurezza nel paese il ritardo nell’avvio della bonifica. Nel frattempo la popolazione del Delta del Niger continua a vivere in un territorio insalubre , dove la pesca e l’agricoltura non sono più praticabili e dove vivere è diventato impossibile.
Al Jazeera si è occupata della vicenda e ha intervistato Audrey Gaughran di Amnesty International.